Isola d'Elba

line separacion

Appartamenti a Capoliveri
Il comune di Capoliveri occupa completamente il promontorio del Calamita, 39 Kmq di terre geologicamente antichissime con scogliere selvagge e piccole insenature più o meno sabbiose che ne ingentiliscono il profilo. Com’è logico gli appartamenti per vacanza a Capoliveri si trovano soprattutto intorno alle piccole e talvolta minuscole cale sabbiose. Il paese è invece un borgo austero e delizioso, arrampicato su un colle in posizione dominante e protetta.
Chi sia interessato ad affittare un appartamento a Capoliveri deve essere ben informato rispetto alla sua posizione, infatti, proprio a causa della varietà geologica delle rocce che compongono il promontorio, può darsi che due cale, seppure vicine, abbiano fondali completamente diversi, cosa che influisce sulla luminosità del mare antistante e sulla composizione della sabbia o ghiaia della spiaggia. Anche le scogliere sono molto varie, infatti, soprattutto sulla punta meridionale del promontorio del Calamita, si innalzano ripide e frastagliate, di grande suggestione, come appartenessero ad un mondo arcaico e scomparso, a poche centinai di metri è invece possibile stendersi su rocce levigate in riva al mare e godersi silenzio e luce.
Con l’esclusione delle cale e calette di cui abbiamo parlato, il promontorio è prevalentemente disabitato, anche per il fatto che essendo stato fino a pochi decenni orsono in concessione all’Italsider per le miniere di ossidi di ferro, non prevedeva insediamenti abitativi nè turistici. Ancora oggi l’unico centro turistico che si trova all’estremità meridionale della penisola, dopo 9 km di strada sterrata dal centro di Capoliveri, è la Tenuta delle Ripalte, una villa del XIX secolo ben restaurata ed oggi trasformata in hotel, alcuni altri piccoli edifici sparsi intorno sono adibiti a case vacanza ed appartamenti; dal 2002, ad integrazione dell’attività turistica, è stata impiantata una vigna di aleatico. Questa zona è anche chiamata “Costa dei Gabbiani”, certamente per la presenza di centinaia di coppie di gabbiano reale nidificanti sugli strapiombi delle antiche scogliere, solo alcune capre selvatiche, o meglio rinselvatichite, si avventurano tra le sbrecciate rocce di Punta delle Ripalte insieme ai bianchi gabbiani. Per chi non ha mai visitato questa parte dell’isola d’Elba, può essere sorprendente scoprire a poca distanza dal suo appartamento per vacanze, magari in prossimità di una piccola spiaggia contornata di ristoranti, hotel e quant’altro di vacanziero, un paesaggio così aspro e solitario, ma sarà senz’altro una sorpresa molto emozionante e piacevole.